NOTA! Questo sito usa cookies e tecnologie similari.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare servizi ed esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare la navigazione o chiudi questo banner presti il consenso all'uso di tutti i cookie. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'utilizzo dei cookie, leggi l'informativa estesa. La restrizione della capacità dei siti web di inviare i cookie può peggiorare l’esperienza di navigazione globale degli utenti.

Informativa estesa Cookie Policy

Tradizione

Teoria, storia, miti e testi di riferimento della nostra disciplina

Yoga citta vrtti nirodhah

Upanishad

Chiunque si avvicini al mondo dello yoga si imbatterà, prima o poi, in quello che viene considerato uno dei suoi principali testi di riferimento, lo Yoga Sūtra di Patañjali composto secondo gli studiosi fra il I secolo a.C. e il II secolo d.C. (non deve stupire la datazione quasi sempre approssimativa dei testi indiani, dovuta alla loro trasmissione essenzialmente orale, secondo il metodo di insegnamento definito guru-śiṣya-paramparā.

Leggi tutto: Yoga citta vrtti nirodhah

Gli Shanti Mantra: i canti di pace.

Con il termine Śānti Mantra si intendono una serie di raccolte di inni che fungono da invocazione iniziale nelle Upaniṣad. Questi testi presentano una grande varietà di sistemi per raggiungere uno stato di liberazione dalla sofferenza e quindi una felicità incondizionata.

Le Upaniṣad dello Yoga sono quelle che hanno in comune alcune pratiche specifiche (esercizi di respirazione, mudra e bandha) che contribuiscono alla nostra disciplina anche nel suo sviluppo più recente.

Leggi tutto: Gli Shanti Mantra: i canti di pace.

Vayu: i 5 soffi vitali

Vāyu è nel Ṛg veda la divinità del vento, uno dei figli di Prajapati, il progenitore di tutti gli esseri. E' il "soffio" che purifica e infonde la vita. Nelle Upaniṣad il soffio di Vāyu diventa Prāna, l'energia della vita la cui parte grossolana si esprime nel respiro e quella sottile nel complicato sistema delle nādī (canali di scorrimento dell'energia) e degli involucri (kośa) intorno al corpo fisico di ogni individuo.

Leggi tutto: Vayu: i 5 soffi vitali

La luna e l'Ashtanga Yoga

La luna e l'oceano

Il nostro satellite in India non è solo fonte di ispirazione poetica: gli è affidato lo scorrere del tempo (in uso è un calendario lunare). La luna è divinità, simbolo, segno di influenza (graha) nei testi vedici.

Leggi tutto: La luna e l'Ashtanga Yoga

Drishti: il potere dello sguardo nello yoga

Dṛṣṭi significa "il guardato" cioè l'oggetto che cattura la vista.

La radice di questo termine ha un valore particolare nello "Yoga Sūtra dove dṛṣṭuh è lo "spettatore" o il "testimone" che si stabilirà fermamente (avasthanam) nella propria vera natura (svarupa) solo quando lo yoga avrà inibito (nirodha) le fluttuazioni della mente (citta vrtti) (Yoga Sūtra 1.2-3).

Leggi tutto: Drishti: il potere dello sguardo nello yoga

Cerca negli articoli

Ashtanga Vinyasa Yoga